La Storia Stampa E-mail

Ceste Franco verso la fine degli anni '60, terminati gli studi presso l'istituto professionale di Alessandria, affiancò il padre Guido  nell'attività di produttore vinicolo. Guido spiccava fra i produttori di vino più rinomati della zona. Il giovane Franco in pochi anni acquistò diverse terre e vi impiantò i vigneti che sono ancora oggi il fulcro della produzione. Con impegno, costanza e dedizione si dedicò alla produzione, quando ancora le distanze chilometriche erano barriere e freno allo sviluppo delle comunicazioni.
Partì allargando i propri orizzonti e iniziò a promuovere i suoi vini dapprima in tutto il Piemonte e poi sempre più lontano, fino al di fuori dei confini nazionali. 
A partire dai primi anni '90 si consolidarono le basi per l'attività di export, si ampliò la varietà di vitigni introducendo varietà non autoctone, si sperimentarono innesti e vendemmie tardive, arrivando fino ai giorni nostri, con una produzione fedele alla più antica tradizione locale. Chi degusta i vini della Cantina Ceste rimarrà sorpreso dalla maestosità e dalla sontuosità della Barbera d'Alba. Il “cru” storico é la “Sposabella”. Raccolta a maturazione avanzata, pressata dolcemente e imbottigliata ancora giovane così come vuole la tradizione: fine, elegante, profumata di petali di rosa ed eccezionalmente morbida al palato.
Ma le emozioni gustative non si fermano qui e come un continuo divenire accrescono a mano a mano che si degustano i grandi rossi, frutto di una scrupolosa selezione dell'uva in vigna, di una sapiente vinificazione  e di una lenta maturazione  in botti di rovere.
Presso la Cantina Ceste si degusta solo il meglio di Barolo, Barbaresco, Roero, Nebbiolo d'Alba, Bonarda, Dolcetto e Grignolino; a questi si affianca, dal 2001, il prestigioso Langhe Rosso “Tubleu”, frutto del sapiente assemblaggio di uva Merlot, Cabernet Sauvignon, e Barbera coltivati e vinificati direttamente in azienda.
Lo stesso impegno viene dedicato alla produzione dei bianchi, primo di tutti l'Arneis. Altro fiore all'occhiello della Cantina Ceste é il Passito “Gemma di Sole”, dolce assemblaggio di uve Arneis e Moscato.
Rispetto per la tradizione, ma con un occhio di riguardo e una particolare attenzione al futuro, soprattutto ai gusti dei giovani degustatori che visitano la Cantina Ceste.
Gli appassionati di cucina e di buon vino che raggiungono Govone, provengono oggi da tutto il mondo. Presso la Cantina Ceste ogni visitatore viene accolto con cortesia, professionalità e un buon bicchiere di vino.
Poco distante dalla cantina, sulla cima del colle, il Castello di Govone eretto nel 989 d.C., oggi fra le Residenze Sabaude che l'Unesco ha incluso nel patrimonio artistico Mondiale.

 
viticoltori in Govone